• Leggi il mio nuovo libro
    LEGGI IL MIO NUOVO LIBRO: Il Virus benefico. Aprirsi la strada per la libertà e la verità in un mondo di sopraffazioni e menzogne

    Acquista ora

  • Leggi il mio nuovo libro
    LEGGI IL MIO NUOVO LIBRO: Il Virus benefico. Aprirsi la strada per la libertà e la verità in un mondo di sopraffazioni e menzogne

    Acquista ora

  • Dadrim Copertina Originale
    LEGGI IL MIO NUOVO LIBRO: Il Virus benefico. Aprirsi la strada per la libertà e la verità in un mondo di sopraffazioni e menzogne

    Acquista ora

Spiritualità

E tu, sei consapevolmente felice?

Qualcuno ha scritto: E tu, sei consapevolmente felice?
 
Pier ha risposto: Ciò che importa è la consapevolezza, non la felicità. Quando viene la felicità osservo e ascolto la felicità, quando viene la tristezza accolgo la tristezza. Per me è fondamentale non resistere a ciò che nasce nel nostro cielo interiore, qualunque cosa sia, poiché ciò che genera una condizione di perpetua sofferenza è proprio la non accettazione di ciò che siamo e viviamo. Detto ciò, che rilevanza può avere la mia condizione al fine della tua realizzazione?
 

Tags: Equilibrio interiore

Per inserire i commenti vai a fondo pagina

Commenti   

# renato farina 2010-07-04 18:20
...per me la felicità è uno stato d'animo quando riesci a realizzare qualcosa che ti sei proposto, al contrario non riuscendo non mi deprimo ma penso andrà meglio la prossima volta... very quiet...
# Matrice 2010-07-05 05:23
Per me la felicità è realizzare cio che si desidera.Il desiderio,è la cosa che molti ricercatori della verità detestano,perch e associano questa parola principalmente alla soddisfazione dell'ego e alle cose materiali,ma è in verita ,il carburante della nostra ricerca verso la felicita.Pero bisogna dire anche che l'ego è il sistema che serve a tenerci in vita ora,ma alla fine dei nostri giorni sarà quello che ci ucciderà.
Ciao
Matrice
# Beatrice 2010-07-05 13:44
Per osservarsi bisogna essere coraggiosi e pronti alla sofferenza perchè la cosa più difficile e più dolorosa è incontrare noi stessi ossia le nostre paure, debolezze, invidie, rabbia e tantissimi altri limiti e le strategie per nasconderli che possiamo aver acquisito nella nostra vita breve o lunga che sia. Ma è un prezzo da pagare perchè altrimenti non si può essere felici, se proprio vogliamo usare questa parola. Raggiungere gli obbiettivi e la soddisfazione dell'ego sono temporanei e quindi in questo modo siamo destinati alla continua oscillazione tra piccoli momenti di felicità e profonda infelicità perchè troveremo sempre nuovi obbiettivi e il nostro ego non sarà mai abbastanza appagato. Perchè non farlo morire o almeno cercare di farlo morire prima che lui uccida noi?!
# Daniela 2010-07-06 07:39
Penso che per essere felici bisogna essere consapevoli di essere infelici, altrimenti la parola felicità non esisterebbe e non avrebbe senso.

PER INSERIRE COMMENTI DEVI ESSERE ISCRITTO.
TI RICORDIAMO CHE L'ISCRIZIONE E' GRATUITA!

Libri

Contengono alcune fra le risposte più significative del blog su amore, meditazione, realizzazione di sé, libertà dai condizionamenti.

Canzoni

Ascolta le nostre canzoni: un viaggio nel mondo delle emozioni e del pensiero umano alla ricerca del significato ultimo delle cose.

Iscriviti

Iscrizione gratuita e illimitata permette l'inserimento di commenti e la ricezione newsletter.