• Leggi il mio nuovo libro
    LEGGI IL MIO NUOVO LIBRO: Il Virus benefico. Aprirsi la strada per la libertà e la verità in un mondo di sopraffazioni e menzogne

    Acquista ora

  • Leggi il mio nuovo libro
    LEGGI IL MIO NUOVO LIBRO: Il Virus benefico. Aprirsi la strada per la libertà e la verità in un mondo di sopraffazioni e menzogne

    Acquista ora

  • Leggi il mio nuovo libro
    LEGGI IL MIO NUOVO LIBRO: Il Virus benefico. Aprirsi la strada per la libertà e la verità in un mondo di sopraffazioni e menzogne

    Acquista ora

  • Leggi il mio nuovo libro
    LEGGI IL MIO NUOVO LIBRO: Il Virus benefico. Aprirsi la strada per la libertà e la verità in un mondo di sopraffazioni e menzogne

    Acquista ora

Crisi esistenziali

Avere il coraggio di stare bene con se stessi

Coppia al lago al tramontoOgni volta che penso di essermi liberata da quel demone che mi accompagna, che mi svaluta, che filtra il mio sguardo verso me e verso il mondo, lo ritrovo in qualche altra situazione. Com'è faticoso stare in una relazione, eppure nemmeno ho una vera relazione. La parte di me che non si vede come una persona che vale è quella parte che non mi permette di farmi amare da un altro.

Lo sguardo degli altri se desideroso di me mi spaventa e mi infastidisce e allo stesso tempo lo cerco e ne ho un'estrema necessità. Vorrei essere amata per sentire meno la fatica della mia battaglia, però se qualcuno mi ama troppo io non respiro. Vorrei essere leggera e sicura con l'altro. Invece sono fragile, vulnerabile, nuda. Fa male!

Mai nella mia vita ho desiderato tornare indietro. Indietro nel tempo e fermare quel momento. Eppure, mai come ora ho sentito così forte il desiderio di tornare in un posto, in un paese. Mai mi è stato così difficile stare ed essere nel presente.

La mia mente vaga nei ricordi recenti che già iniziano a sfumare. È proprio lì che mi ostino a stare, in quei meandri del mio pensiero che cerca di non dimenticare, di ricordare più attimi possibili sino a farmi perdere il senso della realtà. Ho dei barlumi di lucidità che mi fanno intendere che la risposta la possiedo. La risposta alla domanda: come uscirne? Ora però credo che la domanda più giusta sia: voglio uscirne?

Dunque, se la risposta a quest’ultima domanda fosse “no, non voglio uscirne!”,

allora chiederei a me stessa “perché?”. Perché ho paura, Ho paura di fallire, di vedere cosa veramente succederà, di vedere chi posso essere (se solo iniziassi a vivere). Perché ci voglio stare (sembra) in questo limbo che mi culla tra i ricordi e i desideri di un futuro che mai sarà possibile se continuo a starmene qui sospesa…

No! La vera risposta è no, non voglio passare la mia vita senza viverla agonizzando nella paura, restandomene aggrappata al sogno e quindi a dormire. Io voglio vivere ed è inutile che ci raccontiamo questa stronzata che è il posto dove sei che fa la differenza. È tutta una stupida illusione. È avere il coraggio di stare con se stessi e starci bene. Puoi andare dove vuoi, ma ci devi andare libera. Ora ho capito!

Maria

Tags: Ricerca della felicità, Riflessioni sulla vita

Per inserire i commenti vai a fondo pagina

PER INSERIRE COMMENTI DEVI ESSERE ISCRITTO O ABBONATO.
TI RICORDIAMO CHE L'ISCRIZIONE E' GRATUITA!

Libri

Contengono alcune fra le risposte più significative del blog su amore, meditazione, realizzazione di sé, libertà dai condizionamenti.

Canzoni

Ascolta le nostre canzoni: un viaggio nel mondo delle emozioni e del pensiero umano alla ricerca del significato ultimo delle cose.

Iscriviti

Iscrizione gratuita e illimitata permette l'inserimento di commenti e la ricezione newsletter.