• Tramontobastia
  • Ragazze Danubio
  • Orologio Rovescio
  • Uomo Del Mare

Sul sesso e il corpo

Il sesso come via di fuga dall'amore

Andrea ha scritto: Mi pare che tutto quello che vorrei intraprendere lo faccia solo con lo scopo di ricercare una relazione profonda. La pulsione sessuale è una spinta piena di energia, ma questa spesso mi annebbia la vista, distogliendomi lo sguardo da ciò che è forse più importante. La sessualità è come la fame, un bisogno, reprimerla non credo sia una soluzione. Ma allora come posso costruire una sana relazione e viverla liberamente?

Pier ha risposto: Quando la sessualità viene vissuta come surplus di una relazione fondata sull’amore incondizionato non crea mai problemi. In una relazione fondata sull’amore incondizionato la sessualità diviene una via estremamente piacevole per entrare sempre più in intimità, per fondersi sempre più l’uno nell’altra. Diversamente accada quando il sesso viene confuso con l’amore e la sessualità viene vista come un mezzo capace di rispondere al nostro bisogno più profondo di realizzazione interiore. Sfortunatamente la maggior parte delle persone vive in questo fraintendimento, proiettando nella relazione di coppia il desiderio di vedere appagati tutti i loro sogni di felicità e pensando la sessualità come apogeo di piacere, intimità e vicinanza.

Se siamo seri dobbiamo ammettere che la ricerca della felicità nasce dall’infelicità e nessuna persona può saturare quella che è una mancanza della nostra interiorità con qualcosa di esterno. Se nell’altro trovo rifugio e conforto, immediatamente inizio anche a percepire la paura di perderlo, con tutto il corollario di sofferenze, gelosie e conflitti. Ed ecco che quel che in principio sembrava amore, proprio perché non lo era, in breve tempo si tramuta in disillusione e dolore. La dura verità è che ama e gioisce solo chi è in pace con se stesso. Mi dispiace per Hollywood, le mezze mele e tutti i poeti, ma cosa ci possiamo fare se le cose vanno così?

Quasi per prendersi beffa di noi e dei nostri bisogni di compensazione e romanticheria l’esistenza ha fatto in modo che chi è libero e sereno in se stesso divenga ancor più felice e pago anche nelle relazioni. Viceversa, chi si sente solo e mancante, dal desiderio di colmare tale disagio nella ricerca dell’altro ricava unicamente ulteriori frustrazioni. In effetti è un’azione un po’ assurda, non pare? Se l’orto di casa mia è arido, non risolvo la mia fame andando a chiedere una vecchia melanzana raccolta mesi prima dalla vicina. Bisogna prendere semi, concime, acqua, e lavorare poi con pazienza e sapienza il proprio orto. Solo così si potrà esser certi di potersi nutrire liberamente. Ugualmente non si trova pace andando a chiedere un po’ di piacere e comprensione alla vicina di casa che, oltretutto, chiede altrettanto. Forse si può trovare un po’ di sollievo, ma svanirà in fretta, perché chi non è in pace con se stesso riesce ad accogliere e dare piacere agli altri per un tempo estremamente breve. Generalmente per il tempo necessario a far credere d’essere speciali. Ma quanto può durare uno sforzo? Ciò che non è naturale e spontaneo non può andare molto lontano.

Senza aver nulla contro il sesso o le relazioni di coppia, con le mie parole vorrei ricordare che solo la conoscenza della nostra Essenza può darci quella pace e serenità che solitamente andiamo cercando per vie inopportune. Viviamo angosciati perché pensiamo di essere entità fragili, esposte alla malattia e alla morte. Anche quando amiamo viviamo nella paura perché nulla ci può proteggere dalla possibilità della perdita. Non è il caso di indagare chi siamo realmente anziché sognare di poterci nascondere fra le braccia di una relazione? Siamo veramente mortali, fragili, totalmente dipendenti dai sensi e dalle esperienze del mondo e del tempo? Chi siamo realmente? Lo sappiamo? Se abbiamo la risposta a queste domande possiamo godere tutte le relazioni del mondo. Senza, ogni relazione diviene potenzialmente un disastro.

Solo chi si è scoperto unito all’esistenza può dirsi veramente sposato a qualcuno o qualcosa. Questo era anche in origine una dei significati più profondi del matrimonio. Nella comune ricerca di Dio era garantita l’unità della relazione, si riteneva infatti che solo chi si scopre appartenere a Dio ha certezza di essere con i propri cari oltre la morte. Ma poi, nei fatti, quanti sono i fortunati che dopo una vita di coppia supplicherebbero Dio di rimanere eternamente vicini al proprio marito o alla propria moglie?

Questa fortuna ti auguro, ma per ottenerla, dal mio punto di vista, si deve prima di tutto ricercare il fondamento della nostra stessa vita o perlomeno si dovrebbe trasformare ogni relazione in un cammino condiviso di verità e trascendenza di sé.

Pier

Tags: Equilibrio interiore, Emozioni

Per inserire i commenti vai a fondo pagina

Commenti   

# Marì 2014-05-27 06:01
Sono lontana, per quel che mi riguarda, anni luce dal relazionarmi così in amore. Come faccio a stare con lui? Dovremmo come minimo lasciarci e se il destino vorrà ci ritroveremo quando e se io saro riuscita a seminare qualcosa nell'orto.
Notte
# Dadrim 2014-05-27 06:07
È solo nello specchio delle relazioni che si impara a coltivare “l'orto”, non certo stando da soli. Come fai a comprendere i tuoi limiti, il tuo egoismo, i sogni assurdi che proietti sull'altro, se non tenti di amare, comprendere e avvicinarti all'altro? In questo articolo il mio suggerimento era più rivolto all'abbandonare un po' alla volta le illusioni e le falsità, andando sempre più dentro se stessi, e pertanto sempre più dentro l'altro, alla ricerca della vera unità. Inoltre, se questo lavoro deve essere fatto in due, altrimenti la distanza che si genera fra la consapevolezza e l’ignoranza produce da sé la frattura. Anche se è vero che a volte il risveglio di uno genera miracoli nell’altro…
Buon lavoro!
# sera cipollone 2014-06-19 06:31
L'AMORE è l'attitudine più consona alla evoluzione, liberando l'energia personale che incontra quella dell'altro in un vortice di scoperta continua,.La sessualità è il linguaggio inconscio e sublime che include il corpo come strumento di viaggio.Una relazione è l'incontro di noi stessi nell'altro, solo attraverso il dono totale, noi esploriamo la parte migliore di noi, cioè l'altro.

PER INSERIRE COMMENTI DEVI ESSERE ISCRITTO O ABBONATO.
TI RICORDIAMO CHE L'ISCRIZIONE E' GRATUITA!

Libri

Contengono alcune fra le risposte più significative del blog su amore, meditazione, realizzazione di sé, libertà dai condizionamenti.

Canzoni

Ascolta le nostre canzoni: un viaggio nel mondo delle emozioni e del pensiero umano alla ricerca del significato ultimo delle cose.

Iscriviti

Iscrizione gratuita e illimitata permette l'inserimento di commenti e la ricezione newsletter.