• Tramontobastia
  • Ragazze Danubio
  • Orologio Rovescio
  • Uomo Del Mare

Spiritualità

Godersi la vita senza paura

Andrea ha scritto: Ciao caro Pier! Della vita bisognerebbe goderne tutti i momenti, non sentirsi oppressi con una costante paura di fondo. Vorrei chiederti cosa significa per te godersi la vita.

 
Un grande saluto,
Andrea

Pier ha risposto: Non conosco vita che si possa godere sempre, salvo che si sia capaci di “godere” anche dei momenti difficili, facendone tesoro, comprendendoli e superandoli. “Oppressione e paura di fondo” sono infatti sintomi di una mente che non vuole o non riesce ancora ad accettare la realtà dei fatti, l'inevitabile susseguirsi di piacere, dolore, gioie e pene, vita e morte che caratterizzano l'esistenza umana. Ma come si può accettare la spesso turbolenta “altalena” a cui la vita ci sottopone? Scoprendo il significato ultimo delle nostre esistenze! Infatti non si può uscire dalla paura se non si comprendono i meccanismi dell'egoismo umano, le cause del dolore ed infine quel fondamento imperituro da cui affiora ogni cosa. Vedi? Già così la prospettiva cambia completamente.

Se non sei più unicamente interessato a contrastare la paura o a godere ogni momento, e ti spendi in un intensa indagine sul mistero che chiamiamo vita, paura e dolore non sono più un problema da evitare, ma divengono uno dei tanti fenomeni da osservare, comprendere e svelare.

Per questo ritengo più importante comprender che godere la vita. Il godere, per quanto bello e profondo possa essere, è sempre figlio degli eventi, quindi impermanente e seguito come un ombra da saturazione o frustrazione. La comprensione, invece, ha come madre l'Eternità e come padre il l’Infinito.

 
Un caro saluto,
Pier
 
 

Tags: Ricerca della felicità, Equilibrio interiore, Salute

Per inserire i commenti vai a fondo pagina

Commenti   

+3 # Wald 2013-08-19 17:21
credo che quella paura di fondo di cui tu parli sia abbastanza inevitabile poichè insita nel godimento stesso, già per il semplice fatto che quel godimento non è destinato a durare in eterno, e che perciò, si potrebbe perdere da un momento all'altro. L'obiettivo di Dadrim, quella "comprensione" non è semplice, e giunge di solito alla fine di un lungo percorso spirituale e di consapevolezza che ci trasformerà radicalmente in essere "illuminati". ;-)
Sempre che ciò avvenga...
In alternativa, si potrebbe provare a vivere AL PRESENTE, perchè di solito le paure sono legate al futuro. Come si fa a non pensare al futuro (o al passato)? forse riflettendo sul fatto che il futuro è comunque abbastanza imprevedibile nonostante i nostri sforzi. E che "la certezza è per lo più superstizione" (cit.). Ci vuole quel "sano menefreghismo" e con LA CERTEZZA CHE PRIMA O POI PERDEREMO TUTTO QUEL CHE CREDIAMO DI POSSEDERE.
+2 # pamitrano 2013-08-19 18:25
A volte pero' si dimentica che dentro di noi abitano paure per cosi' dire arcaiche, che appartengono come spiegava Jung all'inconscio collettivo.Cert o e' vero che la comprensione della vita e' il nostro vero obiettivo,e ci vuole tempo a volte non basta la vita intera, ma quel stare sul sentiero, sul cammino e' di per se gratificante,pe rtanto la cosi detta "illuminazione" non puo' essere cercata, semmai accade.
# andrea 2013-09-19 12:32
un grazie di cuore per la risposta...dava nti a me c`e` ancora una lunga strada da percorrere
# Dadrim 2013-09-19 13:09
Dal mio punto di vista, davanti a noi c'è tanta strada quanta la nostra mente ne desidera. Poiché la risposta è il viaggiatore stesso, quando lo vogliamo la nostra coscienza profonda è disponibile a noi stessi qui ed ora. E solo la mente che ponendo la meta in un "fuori", più o meno noto, inizia a tessere le trame del tempo e del desiderio. Ma il tempo per Essere è sempre e solo adesso. Ora splende il sole, soffia il vento, parla l'amico, sbraita la vicina... Se l'adesso ci bastasse tutto sarebbe in equilibrio. Il nostro lavoro consiste nel comprendere ed abbandonare le inutili pretese e i folli "ordini di dovere" dei nostri condizionamento . Quando l'inutile è rimosso l'essenziale si palesa da Sé.

La meditazione (o introspezione) è tutta qui, il resto è psicoterapia o fantasia.

Buon presente a tutti...

PER INSERIRE COMMENTI DEVI ESSERE ISCRITTO O ABBONATO.
TI RICORDIAMO CHE L'ISCRIZIONE E' GRATUITA!

Libri

Contengono alcune fra le risposte più significative del blog su amore, meditazione, realizzazione di sé, libertà dai condizionamenti.

Canzoni

Ascolta le nostre canzoni: un viaggio nel mondo delle emozioni e del pensiero umano alla ricerca del significato ultimo delle cose.

Iscriviti

Iscrizione gratuita e illimitata permette l'inserimento di commenti e la ricezione newsletter.