• Tramontobastia
  • Ragazze Danubio
  • Orologio Rovescio
  • Uomo Del Mare

Alienazione da giochi e vita virtuale

xxxElena ha scritto: Cari amici del blog, da un po' di tempo vedo aumentare pubblicità di giochi di vita parallela in rete ed altre forme di relazione virtuale. Addirittura in una pubblicità ci sono delle ragazze, o meglio donne adulte, che nel giochino cercano di incontrare degli uomini in discoteca. Trovo tutto ciò una cosa veramente stupida e alienante. Come salvarsi e non farsi toccare da questi processi di uccisione di tutto il bello che c'è nella vita? Le persone sembrano sempre più incapaci di stare assieme, di parlare di sé e dei veri problemi della vita. Devo ammettere che a volte mi rattrista molto vedere anche dei miei cari amici indurirsi sempre più, seguire mode e pensieri banali, umilianti. Che fare? Non so. E proprio per questo cerco un pensiero qui in questo spazio di condivisione così bello e diverso. Grazie a tutti coloro che mi risponderanno.

Con affetto
Elena

Tags: Riflessioni sulla vita

Per inserire i commenti vai a fondo pagina

Commenti   

# adelaide 2012-02-16 14:03
Cara Elena,io non sono sicuramente la piu' adatta a commentare questo tema,sono oltre per eta' a questi tempi moderni anche se ho dei figli giovani e giovanissimi.Og ni epoca o generazione presenta sempre dei disagi sia esistenziali che generazionali,s ui quali, sia la famiglia,sia la scuola,
che i mass-media,dovr ebbero indirizzare la nuova societa' verso piu' profondi e veri valori dei rapporti umani.ed e' anche vero che ogni innovazione tecnologica e' sempre un'arma a doppio taglio,da una parte e' utile,comoda,po sso vedere e parlare con mio figlio in America in tempo reale,e tante altre cose come ricerche,studi, ecc,ma dall'alta parte,se ne fa uso e abuso per ogni sorta di roba che viene in testa a chiunque,se ne inventano di tutti i colori,se ne fanno di tutti i colori,tanto non ti vede nessuno,nessuno sa chi sei,puoi dire tutto di te,tutte la baggianate che vuoi,meno che dire la verita',di come siamo veramente,se mai lo sapessimo..La paura di noi stessi ci spinge a ricercare gente sconosciuta per rapporti fugaci,disimpeg nati,senza nessuna voglia di metterci in gioco,di soffrire,di vivere.di sperimentare.Pu rtroppo siamo una societa' in cui ognuno e' alla deriva di se stesso,ma se prendessimo coscienza che invece siamo ogni singolo individuo un patrimonio umano di infinito valore,se prendessimo un minimo di consapevolezza che Siamo,e accettare come siamo,non cadremmo nella vana illusione che un giochino possa darci la felicita',perch e' essendo finta ed effimera,inebri a e dura poco,presto ne cercheremo un'altro,e poi ancora.. Tu chiedi come salvarsi e non farsi toccare da questi processi,io risponderei semplicemente non facendoti coinvolgere,res tarne fuori,guardarli con distacco.Non capisco ,vista la tua consapevolezza, perche' hai timore di fare dei figli,il mondo che non ti piace e' la' fuori,e tu dentro la tua casa puoi edificare la vita di tuo figlio,di modo che egli possa un domani uscire forte e solido ad affrontarlo,se tu sarai capace di inculcargli i veri valori e tutto il bello che c'e' nella vita. Se puo' esserti utile,ma per carita',non e' un consiglio,
posso dirti cosa e come faccio io con i miei figli,anche se ad essere sincera mi ritengo fortunata,e forse immeritevole di averli cosi come sono.
Io parlo con loro,di tutto,approfitt o di qualunque spunto per allargare il discorso e portarli a riflettere,a interrogarsi,se nza mai essere invadente o imporre la mia verita',piuttos to li stimolo a cercare la loro verita',le loro ragioni di fare o no le loro scelte che siano dettate unicamente dal loro sentire,anche se sbagliano,di non essere ipocriti con loro stessi,di indugiare su un disagio e non passarci sopra,il rispetto e l'accettazione dell'altro,del diverso,il buon senso,un sorriso di fronte a qualunque avversita'..
Non credo sia un mio merito se i miei figli maschi,badano piu' ad essere che a sembrare,sono sobri,umili,e dignitosi anche senza i vestiti firmati,hanno amici sinceri da sempre,da bambini.Ho sempre avuto l'abitudine di incollare o infilare nei loro armadi delle belle frasi,che siano mie o di grandi saggi,inni alla Vita,alla gioia,all'amore verso tutto,alla gratitudine per quello che hanno...
Purtroppo lo so,anche per me e' sempre piu' difficile relazionarmi con le persone,sempre le solite stupide chiacchiere,lam entele,ma non mi sento indurita,piutto sto isolata,ma meglio cosi,forse.. ho piu' bisogno di silenzio che di parole inutili.
# nino 2012-02-16 16:16
..a volte, uffa, ho come l'impressione che noi tutti facciamo parte di un gioco che si svolge in un mondo parallelo a quello che sarebbe il nostro mondo migliore possibile, sono pesante lo so.. fatico a perdonarci la superficialità con la quale abbiamo lasciato scivolare le nostre vite nelle mani di entità virtuali ma avvolgenti e soffocanti, entità parassitarie che si nutrono dei nostri "averi" che ci costringono a riguadagnarci lavorando in lavori alienanti e ..a volte insulsi. hai ragione ad aver paure a far figli, il destino che li attende e di certo peggiore di quello è toccato a te.. io guardo i miei figli e mi rammarico di non esser riuscito a staccare la spina di questa consolle e di non esser riuscito a STACCARE la mano a chi su questa consolle si gioca i nostri giorni.. forse, una vita parallela virtuale che ci distolga dalla nostra incoscente vita parallela reale ..è il minore dei mali..
# Renato 2012-02-16 18:43
A mali estremi rimedi estremi. Ai miei tempi e non sono tanto lontani, quelli della mia adolescenza e gioventu'. Eravamo e facevamo una vita piu' semplice ma i tempi cambiano, la gente cambia. Tutti sanno che quando in America c'era il proibizionismo all'alcol peggio fu il rimedio che la malattia. Lo tolsero e la cosa si equilibro'. La gente continua normalmente bevendo ma non c'e´ il contrabbando etc. Dico io, una mia idea:Perche' non liberiamo la droga, la controlliamo non la proibiamo. Chi si vuol drogare, ammalare o curare che lo facciano, sicuramente diminuirebbero le incidenze negative. Se vuoi drogarti affari tuoi, se vuoi curarti ti aiutiamo. Le proibizioni sempre hanno il rovescio della medaglia. La pena di morte non ha mai rimediato per chi voleva uccidere o essere un assassino. SIAMO UMANI TREMENDAMENTE TRASGRESSIVI il rimedio c'e' lo abbiamo a portata di mano. Io scelsi lo sport e la moderazione. Tutti possono fare lo stesso, e la vita coninua........ ...............
# matrice 2012-02-17 08:35
come dico sempre:"un cacciatore e un animalista non possono stare in sieme".conviene trovarsi delle persone o amici con affinità simili.E inutile tentare di cambiare gli altri.Ogni indiviuo e un'universo a se e deve fare le proprie esperienze anche quelle alienanti se è necessario per lui.
M
# Elenuzza 2012-02-17 09:45
Avete ragione tutti. Avete toccato quattro aspetti diversi, ma sono d'accordo con voi. Certo, la vita ne ha mille di angolazioni e variabili e a volte mi prende sconforto. Forse perché tendo a voler controllare le cose. E' una battaglia persa sempre. E comunque dispiace vedere le persone intorno che si perdono nelle cose inutili e spesso dannose per lo star bene e in un minimo di equilibrio. Grazie delle vostre parole! Sono felice di questa condivisione! :lol:

PER INSERIRE COMMENTI DEVI ESSERE ISCRITTO O ABBONATO.
TI RICORDIAMO CHE L'ISCRIZIONE E' GRATUITA!

Libri

Contengono alcune fra le risposte più significative del blog su amore, meditazione, realizzazione di sé, libertà dai condizionamenti.

Canzoni

Ascolta le nostre canzoni: un viaggio nel mondo delle emozioni e del pensiero umano alla ricerca del significato ultimo delle cose.

Iscriviti

Iscrizione gratuita e illimitata permette l'inserimento di commenti e la ricezione newsletter.