• Tramontobastia
  • Ragazze Danubio
  • Orologio Rovescio
  • Uomo Del Mare

Disagio interiore

La prigione dei pensieri, la guerra delle emozioni, la pace dell'essere

finestra Piero ha scritto: Gentile Pier, è meglio vivere di pensieri o di emozioni? Esiste un equilibrio, come agire?
 
Un caro saluto,
Piero

Pier ha risposto: Dal mio punto di vista il nocciolo della questione non sta nel vivere di emozioni o pensieri, ma nel conoscere colui che percepisce emozioni e pensieri. I pensieri senza emozioni sono sterili, ma le emozioni senza colui che le percepisce sono pura reattività. La meta del viaggio spirituale, che è il senso stesso del nostro vivere, è conoscere il soggetto che percepisce, chi siamo realmente. Più facciamo ritorno alla nostra essenza più diveniamo consapevoli di tutto il sistema corpo-mente-emozioni che “gestiamo”, anche se usualmente sarebbe più giusto dire che ci gestisce meccanicamente. Più abbiamo la gestione di questo sistema più diveniamo liberi. Se siamo guidati dalle emozioni siamo sicuramente più vivi di chi è guidato unicamente dal pensiero, ma ciò non significa che viviamo in pace, anzi! Spesso chi è guidato più dalla ragione vive più tranquillo di chi è sballottato a destra e sinistra dalle proprie emozioni, peccato che viva la pace di un cimitero e non di un paradiso. Vivere nelle emozioni significa essere più impulsivi, energici, ma spesso anche nel dolore provocato dalle conseguenze delle azioni non ponderate. Più in profondità, alla base del cuore e della mente v’è la dimensione dell'Essere, la nostra essenza. Solo in quel “luogo” possiamo trovare vera quiete e serenità. Non entro poi nello specifico delle decisioni da prendere azione per azione, è una questione irrilevante. Nessuno ci può dire cosa dobbiamo fare di momento in momento. L'unica risposta possibile sta nel divenire sempre più consapevoli di noi stessi, dei pensieri che ci controllano, delle emozioni che ci muovono, siano a risvegliarci alla nostra stessa presenza. Quando saremo pienamente svegli e liberi sapremo anche cosa fare in ogni circostanza.

 
Un caro saluto,
Pier
 

Tags: Equilibrio interiore

Per inserire i commenti vai a fondo pagina

Commenti   

# adelaide 2011-06-27 09:36
Cari Pier e Dadrim,in attesa di arrivare ad avere una cosi alta consapevolezza, cioe' quando ci si sente ancora fragili,confusi ,quando e' ancora duro affrontare il quotidiano nella sua materialita' e concretezza,cio e' la difficolta' di trovare un'altro lavoro,ne' puoi permetterti di lasciare quello che hai anche se non ti piace, perche' devi vivere e hai famiglia,io mi sono gestita cosi':mi metto in affitto!prima di varcare la soglia del mio posto di lavoro,mi preparo mentalmente,car a mia,mi dico,qua sei solo una dipendente,il tuo parere,le tue considerazioni non li vuole nessuno,tu sei regina a casa tua,stai leggera,gioiosa ,svolgi la tua mansione con scrupolo e impegno,sii grata,sorridi a tutti,e ricordati che essendo in affitto e pagata,non devi personalizzare, criticare,comme ntare niente e nessuno,ma ripagare tutte le cose che non ti piacciono con l'allegria.voi non ci crederete,ma da quando mi gestisco cosi,piccole cose sono cambiate,non solo in me,non mi arrabbio piu',non commento,non critico,ma ho dei riscontri positivi con i miei colleghi,il clima e' piu' sereno,il tempo passa piu' in fretta,e quasi quasi mi piace cio' che faccio,mi sento piu' serena e rilassata...

PER INSERIRE COMMENTI DEVI ESSERE ISCRITTO O ABBONATO.
TI RICORDIAMO CHE L'ISCRIZIONE E' GRATUITA!

Libri

Contengono alcune fra le risposte più significative del blog su amore, meditazione, realizzazione di sé, libertà dai condizionamenti.

Canzoni

Ascolta le nostre canzoni: un viaggio nel mondo delle emozioni e del pensiero umano alla ricerca del significato ultimo delle cose.

Iscriviti

Iscrizione gratuita e illimitata permette l'inserimento di commenti e la ricezione newsletter.