• Tramontobastia
  • Ragazze Danubio
  • Orologio Rovescio
  • Uomo Del Mare

Aforismi, immagini e poesie

La risposta è prima della domanda

Tramonto sul torrente Astico

Io ci sono sino a quando c'è la domanda. La domanda è per sua natura dubbio, disagio, incertezza, desiderio di ricerca, scissione fra colui che pone la domanda e l’idea di una possibile risposta. Ma oggi non mi muovo più. La domanda non mi porta più tanto lontano poiché vedo chiaramente che la risposta era, è e sarà sempre prima della nascita della domanda. La risposta "E'" colui che pone la domanda. Allora rimango lì, alla sorgente del pensiero e di ogni movimento, dove ogni domanda non è ancora sorta e dove ogni vecchia domanda perde il suo senso. In quel punto non c'è più nessun "ego" che sente e vuole qualcosa, ma c'è il sentire, o forse sarebbe meglio dire il “Sentimento”.

Pier

Tags: Equilibrio interiore, Pace della mente

Per inserire i commenti vai a fondo pagina

Commenti   

-1 # nino 2012-01-10 22:43
la domanda è il motore del cambiamento, è la spinta al movimento alla ricerca al sacrificio, la risposta preesiste solo solo se la domanda riguarda cose che prescindono da noi esseri umani, ma nella stragrande maggioranza dei casi le risposte sono conseguenti al numero di domande che ha la stessa risposta..
se pochi si chiedono vaghe, e prive di spessore, saranno le risposte ..se molti chiedono essi stessi si daranno risposta perchè riconoscere le proprie lacune ne determina la cancellazione ..

...o forse no..?
# paula maria 2012-01-11 08:43
Il cambiamento,la domanda,la risposta…,tutte cose inesistente. Invenzioni che vogliono coprire con un velo illusorio la nostra insignificanza universale, insignificanza che provoca tanti dolori egocentrici che noi vogliamo,in vanno, curare. Se avremmo un può di coscienza universale ,potremo capire meglio che l’uomo ha bisogno , come spirito, solo di un buon cibo energetico: quello che appaga il vero ,e reale sentimento. Senza dualismo. Tutto cio che segue le leggi di questa falsa vita, tutto cio che, di conseguenza, imputridisce,is pira solo delle riflessioni , che a noi, ingrati, danno la contraddizione, un incompressibile dualismo, e, ci fa sfiorare una bella e ciclica confusione. Al mio parere, per vivere meglio, abbiamo bisogno,solo di un grande bello niente, con cui giocare all’infinito. Giocando ad imparare.
Metto in applicazione la mia libertà che ,la mancanza di Dadrim, me la offre con tanta generosità. Ce un bel detto: quando il gatto manca, i topolini giocano sul tavolo. che bello.
# adelaide 2012-01-11 10:21
In quel punto non c'e' piu' nessun EGO che sente o vuole qualcosa.. Arrivarci in quel Punto.Ti renderai conto caro Dadrim,che non e' cosa di tutti,ne' facile,anche se la semplicita' di farlo sembra quasi banale.
Sto scrivendo dai Cantieri del mio Rifugio,dove arrivano di continuo,rimorc hi carichi di ogni sorta di cose,ed al contempo ne escono pieni a meta' di ogni altra sorta di spazzatura raccolta man man con onesta' e comprensione.Qu esti lavori in corso mi portano inevitabimente a delle riflessioni,che convergono tutti i un unica direzione:L'Ego .E' allucinante sapere di quanto esso si nutra di noi,sia diventato Noi,e ancor piu' allucinante e' non rendersene conto.Siamo Ego in ogni e tutti gli aspetti.Ora comincio a capire tante cose,di come ci facciamo manipolare,comp lici e consenzienti inconsapevoli,d i una infinita infelicita' e dolori,di cui egli si nutre,e si perpetua, con sempre piu' rinnovata brama.Siamo drogati,egodipe ndenti,nel male, ma anche nel bene.Tutto e' Ego: Voglio? e' Ego.non voglio? e' Ego.sono brava? e' Ego,sono misera? e' Ego.sono migliore? e' Ego,e cosi all'infinito,co me sapere quando,quanto, e come lui ci sta avviluppando,ci sta dando l'illusione di essere?Dov'e l'equilibrio?Do v'e' la Via Maestra,sulla quale camminare liberi e spediti senza inciamparci continuamente?A nche questa mia (mia:EGO) domanda e' EGO?
Una sola Verita' mi e' chiara:noi non siamo l'Ego,
L'Ego ci cuce addosso una Vita,che noi riteniamo la Nostra Vita,un'enorme e terrificante conteiner zeppo di pensieri,illusi oni,infelicita' ,dolori,rimorsi ,rimpianti,cond izionamenti,sch emi,il tutto ben impastato con il Passato o proiettato nel Futuro.Invece noi,non abbiamo una Mia Vita,ma siamo Vita,la Vita stessa,
che si dovrebbe vivere solo nel Presente,Essere Presenza,nell'e terno istante che accade la Vita..cioe' noi e tutto cio' che e',ma, al contrario del Tutto,cosi' perfetto,intenz ionale,compenet rato e imprescindibile da se stesso,incurant e di qualsivoglia azione,perche' l'Uomo,si crea una Sua Vita?separata e controVita?

PER INSERIRE COMMENTI DEVI ESSERE ISCRITTO O ABBONATO.
TI RICORDIAMO CHE L'ISCRIZIONE E' GRATUITA!

Libri

Contengono alcune fra le risposte più significative del blog su amore, meditazione, realizzazione di sé, libertà dai condizionamenti.

Canzoni

Ascolta le nostre canzoni: un viaggio nel mondo delle emozioni e del pensiero umano alla ricerca del significato ultimo delle cose.

Iscriviti

Iscrizione gratuita e illimitata permette l'inserimento di commenti e la ricezione newsletter.